Familiari e Amici Emopatici contro la Leucemia

Trombocitemia essenziale -decorso e terapie

Gentili Dottori, mia madre di anni 74, da circa due risulta affetta da trombocitemia essenziale, diagnosticata presso l'Ospedale di Bari. Dall'esordio della malattia i valori dell'emocromo erano: G.B.5.000.000; G.B. 10000; HGB 17; PLT 700.000 ecc.. Attualmente, dopo l'assunzione periodica dell'idrossiurea e aspirina 100mg i valori delle plt sono intorno alle 400.000. Desidero conoscere il decorso della malattia, atteso che la paziente non ha mai avuto problemi vascolari e simili, se ci sono nuovi farmaci tipo "glivec" nonchè altre delucidazioni della specie.

GRAZIE.

Anonimo

Impronta trombocitemica

Salve, sono un donatore di sangue e fino ad oggi non ho sofferto di particolari problemi di salute. Recentemente è stato rilevato un anomalo aumento delle piastrine. Il valore, nel susseguirsi delle varie analisi effettuate, varia fra le 400000 e 700000. Gli altri valori dell'emocromo e del ferro risultano nella norma, tranne un valore lievemente alto del colesterolo (di cui peraltro ho sempre sofferto) a 235. Mi è stata suggerita una visita ematologica, in seguito alla quale mi è stato eseguita aspirazione del midollo ed analisi. La diagnosi è stata quella di "quadro compatibile con sindrome mieloproliferativa cronica ad impronta trombocitemica".